La prostata: a che età intervenire?

July 10, 2017

La prostata: a che età bisogna intervenire?

È opinione diffusa che l’intervento alla prostata sia tipico dell’età avanzata, generalmente dopo i 60 anni; in realtà non è l’età che condiziona l’intervento ma il grado di ostruzione che le modificazioni della ghiandola provocano al deflusso dell’urina. Infatti si interviene sul collo vescicale o sulla prostata ipertrofica (Turp), quando indipendentemente dall’età, gli esami eseguiti dimostrino un ostacolo al deflusso urinario con presenza di residuo.

Situazioni di questo genere infatti si possono riscontrare anche in età giovanile per sclerosi del collo vescicale, situazione che può compromettere la struttura anatomica dell’organo (vescica da sforzo). Allora proprio perché sono pazienti giovani bisogna intervenire con una tecnica adeguata che elimini l’ostruzione e non modifichi l’eiaculazione salvando così la fertilità (TUIP). In conclusione l’intervento deve essere eseguito a qualsiasi età se è presente una alterata dinamica minzionale dimostrata dagli esami eseguiti (Flussimetria con valutazione ecografica del residuo).


Tags:

collo vescicale Eiaculazione fertilità flussimetria prostata Tuip TURP